Skip to content

Affido familiare, il convegno a Salerno

L'incontro si propone di monitorare lo stato di attuazione della legge sul territorio e di promuoverne la conoscenza
Affido familiare, il convegno a Salerno

Affido familiare allo specchio. Quali sfide per quale futuro è il titolo del convegno che si svolgerà nel Salone dei Marmi del Palazzo di Città di Salerno il prossimo venerdì. L’affidamento etero familiare è disciplinato dai primi articoli della legge 184/1983, della quale quest’anno ricorre il quarantesimo anniversario. L’istituto trova fondamento nell’articolo 2 della Costituzione, che rende il dovere di solidarietà uno dei pilastri su cui si fonda la Repubblica ed è espressione di una visione dei rapporti umani altruistica e aperta, in contrasto con la chiusura e l’indifferenza che una cultura basata solo su valori materiali tende, nell’epoca attuale, a sostenere e diffondere, in linea con una mentalità consumistica e individualista. L’affidamento mostra la possibilità di superare l’idea di una famiglia chiusa e fondata unicamente su rapporti biologici, idea smentita dall’intero istituto dell’adozione, da quando essa, con le modifiche del 1983, ha posto il minore e le sue esigenze al centro dell’attenzione e degli obiettivi di un ispirato Legislatore.

Gli obiettivi del convegno

Il Convegno si propone di monitorare lo stato di attuazione della legge sul territorio e di promuoverne la conoscenza. Esso si vale dell’esperienza di quanti operano da tempo nel settore e delle competenze di riflessione e studio, maturate in ambiti diversi, seppur collaterali, allo scopo di descrivere nuovamente, in modo approfondito, i contenuti della normativa, individuare eventuali criticità legate all’attualità e suggerire rimedi e prassi virtuose per una piena attuazione di essi, nella consapevolezza del ruolo fondamentale che conoscenza e cultura svolgono nel rapporto tra leggi, società e territorio.

I relatori

Il Convegno si vale di un ricchissimo pool di relatori, che consentiranno di comprendere come l’istituto operi in altre località, anche al di fuori del territorio nazionale, nonché di approfondire gli aspetti giuridici e psicologici della cultura dell’accoglienza. Tra i relatori, componenti delle Istituzioni nazionali e territoriali che si occupano della materia, magistrati, professori universitari, psicologi, assistenti sociali, esponenti del volontariato e dell’impegno sociale. Le relazioni e la tavola rotonda prevista per il pomeriggio consentiranno di fruire dell’apporto di esperti provenienti da varie località (Piemonte, Emilia Romagna, Toscana), confrontandone idee e prassi.

L’evento accreditato presso l’Ordine degli Avvocati di Salerno con il riconoscimento di 8 crediti formativi. In fase di accreditamento presso l’Ordine degli Assistenti Sociali Regione Campania.

Leggi anche