L'INCHIESTA

Voti e coop, altri due arresti a Salerno

Ai domiciliari Gianluca Izzo, amministratore di fatto della "San Matteo", e Umberto Coscia

Appalti truccati a Salerno, a tavola con De Luca: registi Picarone e Zoccola

Coop e appalti, «C’è uno che vuole occupare il partito. Servono le tessere»

Licenziati a Natale per aggirare la legge

Lo scandalo coop continua a far tremare il Comune di Salerno. Gli agenti della Squadra Mobile questa mattina hanno eseguito altre due misure agli arresti domiciliari per Gianluca Izzo, amministratore di fatto della coop "San Matteo", e Umberto Coscia, suo stretto collaboratore, in seguito alle indagini avviate negli scorsi giorni e guidate dal procuratore Giuseppe Borrelli e dall'aggiunto Luigi Alberto Cannavale. Secondo le prime ricostruzioni, gli arresti sono arrivati per un ulteriore filone d'inchiesta che riguarda sempre le coop e relativo a un file audio, diventato virale, inviato a poche ore dalle ultime elezioni comunali di Salerno. I due sono accusati di minacce sul libero svolgimento del voto.