Tutela dei beni comunali, siglato l’accordo 

L’assessore Altobello: «Con il nuovo regolamento i cittadini saranno parte attiva e responsabile» 

Maggiore collaborazione tra Amministrazione Comunale e cittadini per la tutela e la salvaguardia dei beni comuni: un’azione che in tal modo porterà a una maggiore garanzia per la gestione dei beni e soprattutto a una maggiore responsabilizzazione da parte dei cittadini chiamati, in maniera massiccia e fattiva, ad avere cura di ciò che appartiene loro. Questo l’obiettivo del nuovo regolamento pubblico sulla collaborazione tra i cittadini e l’amministrazione comunale per la cura, la rigenerazione e la gestione condivisa di beni comuni, spazi urbani e aree verdi che, stando a quando fatto sapere, costituirà il primo laboratorio cavese di promozione di attività di cittadinanza attiva con la finalità di promuovere il concetto di bene comune e non solo. I cittadini, infatti, sono anche chiamati a proporre e raccogliere idee di rivalorizzazione, tutela allo scopo di costruire e solidificare patti di collaborazione. L’ok al nuovo regolamento è arrivato nel corso dell’ultimo consiglio comunale tenutosi a Palazzo di Città.
«Un lavoro durato due anni che permetterà ai cittadini di dare una mano all’amministrazione nella progettualità di riqualificazione dei beni comunali – ha spiegato l’assessore al ramo Annetta Altobello - Sono già 199 comuni che hanno adottato questo regolamento, uno strumento che permetterà ai cittadini di essere parte attiva della nostra città, ma allo stesso tempo permetterà di far rivivere luoghi e progetti che per mancanza di risorse umane e finanziarie sono rimasti finora in standby. Ci saranno dei patti con i quali si indicherà la durata dell’amministrazione, le azioni da fare e i termini per svolgere l’attività. Riguarderanno attività di rigenerazioni sia su beni di modesta entità sia interventi di interventi complessi su immobili di valore storico e culturale con deliberazione di giunta sui beni sui quali si può intervenire tenendo in conto le proposte dei cittadini. È una grande occasione per la nostra città».
Clima euforico nel mondo politico. Soddisfatta per il risultato raggiunto è stata anche la presidente del Consiglio, Lorena Iuliano, che ha seguito tutta la fase preliminare di redazione del nuovo regolamento. «Il punto di partenza per creare una città più accogliente è costruire insieme un progetto nell'interesse di tutti».
©RIPRODUZIONE RISERVATA