IL BLITZ

Tratta degli schiavi nel Salernitano, arrestato capogruppo Pd

Lo sfruttamento di lavoratori nelle aziende della Piana: 35 misure cautelari

EBOLI - La “mafia” marocchina scalza la criminalità territoriale tradizionale. Ed era Cioffi il “core business” degli affari transnazionali del caporalato etnico. Dalla contrada agricola di Eboli, in regime di monopolio, venivano gestiti i traffici umani di braccianti agricoli dal continente africano diretti nella Piana del Sele. Al timone dell’associazione c’era il marocchino Hassan Amezghal, detto “Hassan appost”; e poi Pasquale Infante, capogruppo del Pd al Comune di Eboli, a cui era demandato il compito di mettere in ordine le carte. Sono loro le figure centrali dell’inchiesta della Dda di Salerno. Lo straniero era il promotore dei flussi migratori e si vantava - emerge dalle intercettazioni - di fare tanti soldi: “… io in una giornata guadagno 300 euro” . Di 6 milioni è il volume dei profitti stimato dagli inquirenti. Ieri il blitz, con 35 misure cautelari, di cui 27 agli arresti domiciliati e otto colpiti dal provvedimento di obbligo di dimora con contestuale presentazione alla Polizia giudiziaria. In totale gli indagati sono i realtà 41: tra loro anche persone non attite dalla misura cutelare disposta dal gip (vedi scheda in alto) . Il grido degli ultimi. Sfruttati e ridotti in schiavitù per pochi euro all’ora, i braccianti marocchini trovano la forza di denunciare i loro aguzzini. Così vien fuori il caporalato etnico che controllava l’impiego della manodopera clandestina con la complicità degli imprenditori agricoli della Piana. Che ttenevano prebende dai 500 ai mille euro per ogni contratto di lavoro fittizio. Le triste storie dei migranti - costretti a vivere in baracche fatiscenti e in condizioni di indigenza - hanno dato l’input, nell’agosto del 2015, all’inchiesta culminata con il blitz all’alba di ieri a Salerno, Matera e Pistoia.

Massimiliano Lanzotto