processo

Termovalorizzatore, De Luca assolto

La Corte d'Appello ribalta il verdetto di primo grado. La sentenza tira fuori la Campania da una situazione di incertezza istituzionale cancellando il rischio "Severino"

SALERNO. La Corte d'Appello di Salerno ha assolto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, dall'accusa di peculato perché il fatto non sussiste. Stesso verdetto anche per il dirigente comunale Alberto Di Lorenzo e l'ex dirigente Domenico Barletta.Ribaltato il verdetto di primo grado quando l'ex sindaco e i dirigenti che si erano occupati del progetto del termovalorizzatore erano stati condannati per il reato di abuso d'ufficio. Con l'assoluzione dell'ex primo cittadino viene anche meno la sospensione imposta dalla legge "Severino" e questo garantirà alla Regione Campania anche quella stabilità tanto invocata dalle opposizioni.

La lettura della sentenza della Corte d'Appello
«Il fatto non sussiste»: ribaltato il giudizio di primo grado. Insieme all'ex sindaco di Salerno assolti anche Di Lorenzo e Barletta (video di Fiorella Loffredo)

II commento di De Luca. «Anni di pesante aggressione politica e mediatica, per nulla. Anni di un calvario che avrebbe fatto scoppiare il cuore a chiunque. Abbiamo retto per le profonde motivazioni ideali e morali, e per l'assoluta serenità di coscienza». Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, commenta la sentenza di assoluzione nei suoi confronti emessa oggi dalla Corte di Appello di Salerno nel processo sul Termovalorizzatore di Salerno in cui era accusato di abuso in atti di ufficio e peculato.

LE REAZIONI

Il sindaco Napoli. «Nessuna meraviglia per l' assoluzione di Vincenzo De Luca». spiega il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, commentando la notizia della sua assoluzione. Il primo cittadino si è soffermato sulla sentenza, a margine di un convegno che si è tenuto alla Provincia di Salerno, al quale ha partecipato anche il figlio di De Luca, Piero. Secondo Napoli, «questa assoluzione consacra un fatto noto a tutti, ovvero l'integrità morale di De Luca e degli altri che erano stati imputati nel medesimo processo. Questo testimonia la grande capacità amministrativa del presidente che non si è fermato un attimo nella guida di una regione sicuramente difficile. De Luca va avanti come un carro armato e fa bene. La sua integrità morale lo mette al riparo da qualsiasi considerazione. Questo episodio, inoltre, testimonia le falle della legge Severino che corre il rischio di divenire uno strumento sbagliato che blocca le procedure amministrative e se non va rivisto corre il rischio di fare delle stragi di legalità. Si rinviano, dunque, al mittente i tentativi di strumentalizzazione che erano stati profusi con grande dovizia. La verità si è fatta largo e questo conferma che il servizio di legalità serve alle persone perbene e questa è una ulteriore riprova di quanto ha sempre sostenuto De Luca».

Il segretario regionale del Pd. «L’assoluzione del presidente De Luca rasserena il clima e cancella una nube dal futuro della Campania». Con queste parole, il segretario regionale del Pd, Assunta Tartaglione, esprime «grande soddisfazione« per l’assoluzione del Governatore della Campania nel processo relativo al progetto per il termovalorizzatore di Salerno. «Da parte nostra, così come ha detto lo stesso De Luca, c’è sempre stata grande fiducia nell’operato della magistratura - aggiunge Tartaglione - Ora continua il lavoro per il futuro delle nostre comunità e della nostra regione».

Il presidente regionale del Pd. «Vincenzo De Luca assolto. La giustizia lascia senza parole le opposizioni». Lo ha scritto sul suo account twitter il presidente del Pd Campano e consigliere regionale Stefano Graziano, il quale attacca «l'uso strumentale da parte delle minoranze delle vicende giudiziarie di De Luca che spesso hanno rappresentato l'unica argomentazione utilizzata per criticarne l'operato. Fortunatamente per i campani - aggiunge - nemmeno un giorno di legislatura è stato perso».

Il competitor alle primarie. «Un bene per la Campania e una buona notizia per De Luca». Così Andrea Cozzolino, europarlamentare del Partito Democratico, ha commentato su Twitter l'assoluzione del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, «perché il fatto non sussiste».

Lo storico "rivale". Antonio Bassolino commenta così la notizia su Facebook: «Mentre ero a San Giovanni a Teduccio per le primarie delle idee ho saputo dell’assoluzione di Vincenzo De Luca. È una bella notizia. È la dimostrazione che difendersi nel processo è sempre la strada più giusta e corretta. L’istituzione regionale è adesso più forte e questo è un fatto positivo per il futuro della Campania e di tutti i cittadini».