istituto “fortunato” 

Tempo di vendemmia all’Agrario Presto pronti i tre vini premiati

È tempo di vendemmia all’istituto tecnico agrario “Giustino Fortunato” e presto il Montedoro, il Palmento e il Casarsa saranno sulle tavole degli appassionati del buon vino. L’uva di casa “Fortunato”...

È tempo di vendemmia all’istituto tecnico agrario “Giustino Fortunato” e presto il Montedoro, il Palmento e il Casarsa saranno sulle tavole degli appassionati del buon vino. L’uva di casa “Fortunato” si conferma dunque di grande qualità, perfetta per realizzare i vini premiati al Vinitaly 2018, dove infatti l’istituto ebolitano è stato indicato quale scuola di eccellenza per il vino. Il riconoscimento al Montedoro, al Palmento e al Casarsa è merito anche della supervisione tecnica dell’esperto in enologia Luca Vecchio, giovanissimo ebolitano con un curriculum di respiro nazionale
Il Montedoro, il Palmento e il Casarsa sono vini in “purezza”, cioè provenienti rigorosamente da uve dell’azienda dell’istituto e monovitigni, raccolte a mano, accuratamente selezionate in vigna ed avviate poi alla pigiatura nella cantina.
«I tre vini premiati costituiscono la sintesi perfetta di cultura, tradizione, territorio, qualità, ecosostenibilità, eccellenze e buone pratiche didattiche - commenta la dirigente scolastica, Laura Cestaro - il segreto del successo della scuola agraria è senza dubbio un rigoroso disciplinare dal momento che le uve, raccolte a mano, vengono accuratamente selezionate in vigna e subito avviate alla pigiatura nella cantina didattica. Ma è importante anche il sistema di conduzione, che è rappresentato da un’agricoltura integrata, a basso impatto ambientale, con uso coordinato e razionale di tutti i fattori della produzione nel pieno rispetto dell’ambiente e della salute dei consumatori, e ancora l’impegno serio e professionale dei docenti, del personale e soprattutto degli alunni».
Antonio Elia
©RIPRODUZIONE RISERVATA