IL FATTO

Sos Covid, l'odissea di un’anziana salernitana: da giorni è senza posto in ospedale

Il “Ruggi” non può ricoverarla: ora attende l’assistenza al Pronto soccorso

Mercati chiusi dal 13 marzo

A Salerno scatta la chiusura delle ville comunali, piazze e lungomare

Vaccini dal medico di base: via in 10 giorni

Reparti saturi al “Ruggi” di Salerno. Adesso l’emergenza Covid blocca anche il Pronto soccorso del nosocomio di via San Leonardo dove, da giorni, diversi pazienti sono “parcheggiati” e aggrappati alla speranza che si liberi un letto nei reparti dove da ormai un anno si combatte la battaglia contro il virus. Un’attesa snervante e stressante che mette in apprensione i familiari dei degenti. Com’è accaduto a un’anziana di 75 anni di Battipaglia che, domenica scorsa, alle 7 del mattino, è stata trasportata al nosocomio del capoluogo con la faccia deformata, la difficoltà ad esprimersi: erano i chiari sintomi d’una ischemia. E come se non bastasse, dopo un primo test rapido che aveva dato esito negativo, a seguito del tampone molecolare è arrivata la triste notizia: la donna è positiva al Covid.

leggi anche: Vaccini dal medico di base: via in 10 giorni Siglato l’accordo con la Regione, parte l’iter organizzativo: gli specialisti somministreranno le dosi anche nei loro studi

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI


Paolo Vacca
©RIPRODUZIONE RISERVATA