LA TRAGEDIA

Si tuffa in mare e accusa un malore, muore un turista a Capaccio Paestum

Il 47enne di Ottaviano si trovava in vacanza con la famiglia

CAPACCIO PAESTUM -  Annega davanti agli occhi della figlia e della moglie. La tragedia si è consumata ieri, ntorno alle 18, in località Licinella. L’uomo, Giuseppe De Vivo, 47enne, di Ottaviano, in vacanza con la famiglia, stava facendo un bagno nello spazio acqueo antistante il lido La Gondola quando improvvisamente ha avvertito un malore. I bagnini si sono accorti di strani movimenti compiuti dall’uomo che stava per raggiungere la zona dove stavano facendo il bagno la moglie e la figlia non riuscendo però nell’intento, forse a causa delle correnti. A quel punto si sono tuffati in mare, conducendolo a riva.

È intervenuto anche il soccorso nautico costiero, operativo ad Agropoli. Scattato l’allarme, sul posto sono giunte l'unità rianimativa della Croce Azzurra el'ambulanza medicalizzata della Croce Rossa di piazza Santini, ma a nulla sonovalsi i tentativi dei sanitari di rianimarlo.L'uomo non ha mai ripreso conoscenza. Sul luogo dell’accadimento sonointervenuti anche i carabinieri

della Compagnia di Agropoli. Contattato il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, è stato disposto l’esame esterno a cura del medico legale. Poi la salma è stata restituita ai familiari per lo svolgimento delle esequie. Alla figlioletta e alla moglie dell’uomo è toccato assistere alla scena dei tentativi di rianimazione, che non hanno avuto l’esito sperato. La donna si è sentita male: necessario il trasporto in ospedale.

Ancora una vittima del mare sul litorale pestano che viene presidiato attentamente da bay watch che dall’inizio della stagione estiva sono riusciti a salvare numerose vite umane. Le particolari condizioni del mare di Capaccio Paestum, in zona aperta, dovrebbero spingere i non esperti nuotatori a osservare un comportamento che non metta a rischio la propria incolumità. Potrebbe non essere il caso del 47enne deceduto ieri, ma molto spesso c’è chi si avventura, allontanandosi notevolmente dalla riva, e poi non riesce a fare ritorno. La prudenza dovrebbe accompagnare tutti, turisti e non, al fine di trascorrere una stagione estiva in tranquillità, senza correre rischi inutili. (a. p.)