L'ESTERNAZIONE

Salerno, rifiuti e cantieri: le bacchettate di De Luca

Il governatore: «La priorità è una città pulita, anche nell’ultima strada di periferia»

Si rischia l'emergenza a Cava de' Tirreni

SALERNO - Osservando i neon del ponte della stazione fulminati rimprovera l’Amministrazione comunale per la disattenzione nella manutenzione: «sta’ cosa mezza non va bene»; striglia sindaco e assessori sollecitandoli a maggiore velocità nella realizzazione di un collegamento tra la Cittadella e il nuovo parcheggio di via Vinciprova: «Non fate come con i jersey al Corso che ci avete messo un anno». Così Vincenzo De Luca , presidente della Regione, detta l’agenda che il Comune dovrà mettere in campo nei prossimi mesi. A prendersi le bacchettate del governatore c’erano ieri, , durante l’inaugurazione del parcheggio di via Vinciprova, il sindaco Vincenzo Napoli e l’assessore all’Urbanistica Domenico De Maio.

L’emergenza pulizia. Ma la priorità assoluta del presidente resta la pulizia della città. «Ci vediamo tra qualche giorno per fare un punto sui rifiuti perché continua a esserci un problema... », avvisa De Luca. Che, già qualche mese fa, aveva sottolineato come Salerno Pulita e le varie coop, con più di 500 persone impiegate nella raccolta dei rifiuti, non riuscissero a garantire standard gli “deluchiani”. «Ci dobbiamo sedere una giornata intera per trovare una soluzione, la Regione darà un aiuto ulteriore per la raccolta differenziata come facciamo per tutti i Comuni campani, ma poi bisogna darci un’organizzazione che faccia di Salerno una bomboniera. Nulla di meno. Perché - insiste - l’unica criticità che oggi viene rilevata in città è la pulizia. Dobbiamo raggiungere standard europei pure nell’ultima strada di periferia ». A Napoli e ai suoi più stretti collaboratori consente una pausa natalizia, il tempo «di mangiare struffoli e panettoni, pur non esagerando però... »; «ci vedremo subito dopo - aggiunge - e risolveremo anche questo». Un vero e proprio ultimatum quello del governatore, se si considera che, per l’anno nuovo, dovrà essere completata l’interna operazione di accentramento del servizio rifiuti in un’unica società, la Salerno Pulita, appunto.

Eleonora Tedesco