SANITA'

Salerno, pochi medici in corsia: l’Asl cerca la soluzione

Si rischia la paralisi in molti ospedali. De Luca pensa ai giovani professionisti

SALERNO - È emergenza medici a Salerno: mancano all’appello almeno cento unità da sostituire al più presto possibile visto che a breve si entrerà nel pieno del piano ferie. In Regione giovedì scorso si è tenuto un incontro con tutti i direttori generali e commissari straordinari (compreso quello dell’Azienda salernitana, Mario Iervolino) per cercare di capire cosa fare. L’Asl Salerno sta cercando di pianificare gli interventi, anche se per trovare medici a poche settimane dall’estate sarà davvero un’impresa difficile. Secondo indiscrezioni l’Asl di Salerno complessivamente dovrebbe reclutare un centinaio di “camici bianchi”. In particolare occorrono specialisti per i pronto soccorso, ma sembrano un miraggio anche pediatri e radiologi. Di fatto c’è il rischio che gli interventi programmati rallentino per dare la precedenza all’emergenza. Addirittura c’è stato chi in Regione, durante la riunione tenuta in settimana, ha prospettato la chiusura di qualche pronto soccorso. Una provocazione, in quanto sarebbe impensabile in realtà altamente popolose come quella salernitana e in genere campana chiudere le porte di una sede dedicata all’emergenza urgenza, sopratutto in estate.

Marcella Cavaliere

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI