SALERNO

Salerno, non riesce ad avere una casa popolare e vive in un garage

La 44enne ha tre figli: «Ci cacceranno anche da qui: non abbiamo diritto nemmeno a una carta d’identità»

SALERNO - «Una casa, non per me ma per i miei figli». Mentre parla allarga le braccia come in segno di resa e i suoi occhi sgranati dalla rabbia si chiudono per fermare le lacrime. È come un animale braccato pronto a tutto per difendere i suoi “cuccioli”, piegata da anni di frustrazioni e di dolore ma consapevole di non potersi arrendere. Rosa Maresca ha 44 anni e 3 figli: Gennaro di 20 anni, poi c'è Enzo che ne ha 17 e Barbara 14. Da febbraio vivono in un appartamento occupato nel rione Monticelli e l’11 giugno arriverà lo sgombero e finiranno per strada. Mentre parla, seduta al tavolo di un cucinino, in sottofondo si sente il ticchettio continuo dell’acqua che fa intuire che in quell’ambiente inospitale ci sono anche delle perdite oltre alla muffa che si addensa attorno alle finestre. L’odissea di Rosa comincia quando ritorna dalla Germania dopo aver tentato la fortuna con il suo compagno di allora. Avevano già un figlio, poi sono arrivati glia altri ma nessuna fonte di reddito sufficiente a permettersi un fitto, quindi hanno cominciato a vivere da vari parenti. Quando il rapporto di coppia è finito, la signora è andata ad abitare in via Ostaglio in un appartamento che le costava 550 euro al mese. Dopo poco, però, Rosa ha perso il lavoro di pulizie. Non poteva più pagare, ha ricevuto lo sfratto che è diventato esecutivo ed è stata messa fuori con i bambini, nonostante già nel 2006 avesse fatto domanda per avere una casa popolare. Non sapendo dove andare, per 10 giorni è stata ospitata nell’hotel Gea ma, una volta scaduto il termine, si è trovata di nuovo senza un tetto sulla testa. «Forse è stata la disperazione a farmi notare che la saracinesca di uno dei garage del rione era socchiusa, l'’ho tirata su e ci sono andata a vivere con i miei figli per altri due anni», racconta.

Eleonora Tedesco

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI