Enrico Coscioni

IL PROCESSO

Pressioni sui manager, assolto Coscioni

Sentenza-lampo per il consigliere alla Sanità del governatore De Luca

NAPOLI - Colpo di scena al processo per le presunte pressioni a tre manager della sanità, per farli dimettere: assolto Enrico Coscioni, consigliere del governatore Vincenzo De Luca. La formula di rito: i fatti non sussistono. Un verdetto a sorpresa, in pieno dibattimento, quello del collegio C della IV sezione penale del tribunale di Napoli. Nemmeno l’imputato era in aula, contrariamente al solito. «In oltre trent’anni di professione - spiega il difensore di Coscioni, l’avvocato Gaetano Pastore - mi è capitato non più di due-tre volte». Il processo di primo grado si è chiuso all’improvviso, quando la fine era attesa nei primi mesi del prossimo anno. A spiazzare tutti, la scelta del presidente del collegio, Marcello Rescigno - ex pm ed ex gip al tribunale di Salerno che si è avvalso dei poteri dell’articolo 129 del codice di procedura. La norma prevede che il giudice possa emettere d’ufficio la sentenza, in ogni stato e grado del processo, qualora riconosca la non sussistenza dei fatti contestati.

Gianmaria Roberti