I CONTROLLI

Napoli, sversamenti illeciti di rifiuti: sequestrate 2 officine

Nelle strutture rinvenuti materiali pericolosi abbandonati

NAPOLI - Un'azione congiunta è stata effettuata nella 'Terra dei Fuochi' e vi hanno partecipato la Stazione Carabinieri Forestale di Pozzuoli insieme con le Polizie locali di Calvizzano, Marano, Villaricca, Qualiano, la Polizia Municipale Ambientale di Napoli e il Raggruppamento Campania dell'Esercito Italiano. In campo - fa sapere una nota dell'Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi di rifiuti in Campania - 8 equipaggi, per un totale di 23 unità che hanno controllato 4 attività imprenditoriali (di cui 2 sequestrate), 12 persone (di cui 4 sanzionate) e contestate violazioni amministrative per circa 7mila euro.

In particolare, a Marano di Napoli è stata sequestrata un'officina meccanica perché priva di autorizzazioni e di certificazioni per la gestione dei rifiuti speciali nonché per immissione di fluidi industriali in fogna; nella stessa struttura erano stoccati un rilevante quantitativo di rifiuti pericolosi, tra cui 40 radiatori usati, e 2 barili con oli esausti privi di tracciabilità. Un'altra officina è stata sequestrata perché il titolare esercitava abusivamente la professione e due sanzionate per difformità rispetto alle licenze sanitarie, occupazione abusiva di suolo pubblico, gestione irregolare dei rifiuti e omissioni nella compilazione del registro rifiuti speciali, compromettendone la corretta tracciabilità; una è stata anche segnalata all'autorità comunale per l'adozione del provvedimento di chiusura dell'attività.