IL VALORE DEL MATTONE

Mercato immobiliare: Salerno diventa più cara di Napoli

È quanto emerge dai dati dell’Osservatorio sul mercato residenziale di Immobiliare.it

Cresce il mercato immobiliare in città. E, addirittura, Salerno supera Napoli come costo delle abitazioni per valore a metro quadro. Un sorpasso inaspettato, vista la crisi che ha colpito il mercato immobiliare negli ultimi anni. Il tunnel della recessione, tuttavia, sembra essere terminato, e s’intravede finalmente la luce. È quanto emerge dai dati forniti dall’Osservatorio sul mercato residenziale campano di Immobiliare. it, in virtù dell’andamento del mercato nel terzo trimestre dell’anno. In base alle cifre fornite dagli analisti del principale portale di compravendita immobiliare, infatti, per comprare casa a Salerno bisogna mettere in preventivo un prezzo medio di 2.697 euro al metro quadro, mentre a Napoli “bastano” 2.682 euro al metro quadro. Salerno, quindi, è la città più cara della Campania. Un primato che si consolida in quest’ultimo periodo, in cui i prezzi sono saliti dello 0,4 per cento. La situazione si ribalta se si prendono in considerazioni le locazioni. A Napoli e Salerno il terzo trimestre è contrassegnato da valori in calo in entrambi i casi dello 0,3 per cento. Avellino, Benevento e Caserta vedono invece prezzi in risalita con picchi, nel caso di Caserta, di 2,3 punti percentuali in tre mesi. Napoli è, in questo segmento di mercato, la città con i prezzi più alti: per un bilocale di 60mq nel capoluogo campano servono circa 652 euro al mese mentre a livello regionale la media si attesta a 435 euro. Tornando alle compravendite l’andamento del mercato si contraddistingue per la stabilità. A luglio, agosto e settembre, infatti, le oscillazioni dei prezzi sono state prossime allo zero. I prezzi richiesti per le abitazioni in vendita sono cresciuti dello 0,2 per cento su base trimestrale, mentre i canoni sono scesi di appena lo 0,2 per cento. A marzo 2018 il prezzo medio richiesto per la vendita di immobili residenziali in Campania è stato pari a 2.024 euro al metro quadro, il 7 per cento in più rispetto alla media nazionale. Più bassi rispetto alla media italiana i canoni di locazione richiesti: affittare casa in Campania, dove il prezzo al metro quadro è di 7,25 euro, costa in media il 17 per cento in meno rispetto al dato italiano. La parte del leone la fanno proprio Salerno e Napoli, che possono essere considerate, senza alcun dubbio, le città con più appeal della Campania. Difatti i primi gradini del podio si piazzano proprio la città conosciuta per le Luci d’artista e il capoluogo di regione. Sul gradino più basso, al terzo posto, per valori immobiliari si piazza Caserta, con un prezzo al metro quadro di 1.639 euro. Segno meno anche per Avellino e Benevento: quest’ultima città è anche il capoluogo più economico in cui comprare casa in regione, con una richiesta al mq di 1.326 euro.

Gaetano de Stefano

©RIPRODUZIONE RISERVATA