IL PROGETTO

Madonna di Fatima cambia volto: il campetto del quartiere è salvo

Via agli interventi di riqualificazione nell’area della parrocchia “cuore pulsante” del quartiere Pastena

SALERNO - La parrocchia della Madonna di Fatima, cuore pulsante del quartiere Pastena, si rinnova ma lo storico campetto di calcio è salvo e dopo 10 anni di diatribe sono partiti i lavori. Una storia che parte dal lontano 2012, quella riguardante il progetto di riqualificazione della parrocchia “Cuore Immacolato di Maria” di via Madonna di Fatima quando il parroco era il compianto don Andrea Vece : la questione arrivò anche in Consiglio comunale per via della richiesta da parte di associazioni, comitati e residenti di non eliminare lo storico campetto della parrocchia, impianto che ha ospitato tornei di rilevanza sociale nella zona orientale della città, punto di aggregazione e riferimento per tante generazioni letteralmente cresciute negli spazi di quel cortile.

Nuova evoluzione degli scenari nel 2016 quando, all’ordine del giorno a Palazzo di Città, venne presentato il progetto per la realizzazione della casa canonica e l’ampliamento dei locali pastorali della parrocchia. Oggi come allora, circa 3.380 metri quadri con la presenza di due fabbricati, la Chiesa e l’edificio posto sul lato Sud-Est, ovvero l’oratorio. Il progetto all’epoca prevedeva la realizzazione della casa canonica e di nuovi locali pastorali ma era prevista anche la manutenzione straordinaria del fabbricato adiacente la chiesa e la manutenzione del piazzale adibito ad oratorio. Questo il progetto presentato da don Antonio Montefusco , con il Comune di Salerno che catalogò l’intervento in zona standard di “attrezzature di interesse comune”. Su cosa nacque la polemica? Nel regolamento Urbanistico Edilizio, infatti, l’immobile poteva essere oggetto di interventi di ristrutturazione edilizia ed urbanistica, anche con creazione o incremento di volume e superfici nel rispetto della dotazione di parcheggi pertinenziale, ovviamente con le procedure previste.

Questo, secondo il comitato spontaneo Madonna di Fatima e al tempo l’associazione Fare Verde, con l’allora consigliere comunale Raffaele Adinolfi , metteva in “pericolo” il campetto di calcio presente con il timore che potesse essere cancellato per far spazio a parcheggi nell’area del cortile. Pericolo scongiurato nel corso del tempo con un ulteriore progetto che andava a salvaguardare proprio lo spazio funzionale all’attività sportiva. Nel progetto attuale, quindi, sarebbe previsto solo l’ampliamento per la casa canonica e gli spazi dedicati al catechismo con la riqualificazione di tutta l’area, compreso lo spazio destinato a parcheggi. Anche nel 2016 lo stesso assessore Domenico De Maio si espresse sui lavori definendoli “integrati” a quella è che l’attuale chiesa, nell’area adibita anche al calcetto nel campetto contiguo, considerando il progetto ridotto rispetto ad una ipotesi originaria con la sola realizzazione della casa canonica e le relative attività parrocchiali. I lavori sono partiti da qualche settimana nei locali pastorali della parrocchia e termineranno nell’arco di qualche mese.

Nuovo intervento, quindi, segue quello avviato proprio prima della pandemia con la realizzazione di ammodernamento della sala auditorium, lavori che avevano lo scopo di creare un’ulteriore occasione di aggregazione e condivisione per le famiglie, per i bambini e i ragazzi del quartiere, permettere agli stessi di confrontarsi e stabilire un contatto con un mondo diverso da quello delle mura domestiche. Nella sala auditorium, infatti, si potranno effettuare iniziative di carattere sia ecclesiastico che ludico, con rassegne teatrale, cinematografiche, laboratori teatrali rivolti a bambini e ragazzi.

Marco Rarità