campagna contro i fuochi artificiali

Lo spot del videoblogger: «Niente botti, fatti come la botte»

Petizioni e videomessaggi contro l’esplosione dei petardi a Nocera Inferiore. La guerra è cominciata, a partire dal videomessaggio del più influente foodblogger nocerino, Alessandro Tipaldi. Il...

Petizioni e videomessaggi contro l’esplosione dei petardi a Nocera Inferiore. La guerra è cominciata, a partire dal videomessaggio del più influente foodblogger nocerino, Alessandro Tipaldi. Il giovane esperto di cucina – ha aperto il famoso blog ingordo.net – ha realizzato un video dove, a partire dal suo ambiente naturale, la cucina, ha lanciato messaggi contro l’esplosione dei petardi. «A capodanno niente botti, fatti come la botte», si legge nello spot, dove a suon di cibo nostrano invita i ragazzi a consumare lauti pasti in compagnia di amici e parenti invece che acquistare fuochi artificiali pericolosi. Il video sta raggiungendo migliaia di visualizzazioni.

«Molte persone seguono le mie ricette e ascoltano i miei consigli, così ho deciso di fare una campagna contro i botti – spiega Alessandro – festeggiare non significa farsi del male. Sono un foodblogger e il cibo è la mia base di partenza. Il mio messaggio era di non spendere i soldi per i botti ma per mangiare. Il cibo è una forma di festeggiamento più sana e conviviale».

Contro i botti anche l’associazione Lega nazionale per la difesa del cane. La presidente, Luisa Benevento, insieme a Germano Fasolino e Imma Falcone, hanno protocollato al Comune un documento in cui si chiede di vietare le esplosioni il 31 dicembre. «La richiesta si eleva sempre più unanime, di attenzione e rispetto verso gli animali, terrorizzati da questa usanza che può condurli anche alla morte – scrive la Benevento – nessuna manifestazione può oggi prescindere dal rispetto dei diritti e della dignità degli esseri umani, così come dei non umani. Molti cani all’aperto durante le esplosioni cercano di fuggire. Anche i cani che rimangono in casa vengono colpiti dalla paura».

Davide Speranza

©RIPRODUZIONE RISERVATA