Le notti delle “Luci” tra parcheggiatori abusivi e vip incivili 

Vetture in doppia fila nell’area intorno al Teatro “Verdi” Autobus bloccati e multe a raffica della polizia municipale  

Auto parcheggiate in doppia fila ovunque: e neanche la presenza della polizia municipale e le multe elevate inducono alcuni proprietari a spostarle. È stato necessario l’arrivo del carroattrezzi, sabato sera, per liberare un ampio spazio poco lontano dal teatro Verdi, con diversi automobilisti incuranti di creare grossi problemi al traffico e alla sicurezza. È accaduto sabato sera tra la parte finale di via Roma, piazza Matteo Luciani (parte esterna e interna), via Indipendenza, piazza Alario e via Benedetto Croce dove erano state fermate diverse auto di lusso sosta vietata. La zona più caotica piazza Matteo Luciani, con vetture in doppia fila nella parte interna e parcheggiate attorno al distributore di carburante; in via Indipendenza-piazza Alario le macchine ferme sui marciapiedi per ore. La situazione più problematica quella attorno al distributore di piazza Matteo Luciani, con automobilisti costretti a fare tortuose manovre per dirigersi verso via Monti e via Fusandola a causa di alcune ferme nel bel mezzo della strada, tanto da ridurre l’ampiezza della carreggiata. Se un’ambulanza o ancor di più un camion dei vigili del fuoco avesse dovuto raggiungere via Monti non avrebbe potuto farlo, perché non sarebbe riuscito a svoltare per la strada interna di piazza Luciani. Va considerato inoltre, che quell’area è nevralgica per i bus turistici che svoltano da via Lista (strada laterale al teatro verdi).
Sul posto è intervenuta una pattuglia della polizia municipale. Gli agenti hanno lungamente cercato di richiamare l’attenzione degli automobilisti indisciplinati con l’uso della sirena e del fischietto ma nessuno è apparso. Neanche la compilazione della “multa” ha smosso qualcuno. Solo l’arrivo del carroattrezzi ha fatto materializzare i proprietari che hanno spostato le loro lussuose auto. I due agenti hanno dovuto far fronte a una situazione difficile, anche se la loro azione ha riscosso risultati del tutto parziali, atteso l’elevato numero dei mezzi in sosta vietata.
Incredibile poi quello che è accaduto poco dopo piazzetta Alario, dove un bus è rimasto diverso tempo fermo con una lunga fila di auto alle spalle a causa di un’auto lasciata in doppia fila. Nonostante il bus suonasse il clacson, il conducente della vettura ferma continuava amabilmente a discorrere con un conoscente, fino a quando un automobilista sceso dalla sua macchina e lo ha minacciato: solo a quel punto ha liberato la strada. Intanto, sono comunque rimaste parcheggiate sui marciapiedi le auto in via Indipendenza.
Come se non bastasse l’area tra piazza Matteo Luciani (strada interna), largo Giuseppe Ragno, via Quagliariello e via Fusandola era presidiata da un parcheggiatore abusivo che chiedeva soldi pure per le vetture ferme all’interno delle strisce blu. Quest’area nevralgica della città ha bisogno di un presidio costante non solo della polizia municipale ma anche di un carroattrezzi, perché, a chi può permettersi auto da decine di migliaia di euro la contravvenzione per sosta vietata non fa paura.
Salvatore De Napoli
©RIPRODUZIONE RISERVATA