Incendio al sito di compostaggio

Un nuovo incendio di cumuli di rifiuti all'interno dell'impianto di compostaggio di Salerno, nella zona industriale della città, si è verificato nella giornata di ieri. Ad andare in fiamme sono stati...

Un nuovo incendio di cumuli di rifiuti all'interno dell'impianto di compostaggio di Salerno, nella zona industriale della città, si è verificato nella giornata di ieri. Ad andare in fiamme sono stati alcuni cumuli di rifiuti di seconda maturazione che si trovavano all'interno di uno dei capannoni interni al sito. A domare le fiamme sono stati gli operai che erano al lavoro e che devono occuparsi proprio di controllare che i cumuli non si surriscaldino al contatto con il suolo, rigirando a intervalli regolari i rifiuti per evitare che questo processo naturale si verifichi causando danno anche alla struttura. L’impianto ra è gestito direttamente dal Comune di Salerno che poco tempo fa ha rescisso il contratto con la Daneco, azienda che costruì l’impianto e che lo ha gestito inzialmente per garantire che tutto funzionasse alla perfezione e poi, in seguito, per proroga dell’affidamento. la rescissione è sopraggiunta dopo la relazione dell’Autorità nazionale anticorruzione. La direzione ha allertato i Vigili del fuoco che, domate le fiamme, hanno effettuato un controllo nel capannone e perimetrato l’area da dove è partito il principio di incendio. I caschi rossi erano già intervenuti una prima volta, l’8 ottobre scorso, per spegnere le fiamme di un altro incendio di cumuli di rifiuti in maturazione all’interno della stessa struttura. Anche in quel caso venne certificata l’autocombustione. Come si ricorderà l’impianto realizzato a Salerno, con fondi dell’Unione europea (25 milioni) per le sue caratteristiche è unico in Campania, in quanto oltre a produrre compost per l’agricoltura, dalla frazione umida dei rifiuti recuopera anche i gas che vengono poi trasformati in energia elettrica. (m.a.c.)