L'OMICIDIO DEL COMMERCIANTE

Il sindaco Torquato: «Ergastolo per chi ha ucciso Luigi Bruno Battipaglia»

Gli inquirenti: «Tentata rapina finita male»

NOCERA INFERIORE - Carcere a vita per gli assassini di Luigi Bruno Battipaglia. Il sindaco di Nocera Inferiore chiede pene esemplari per coloro che giovedì sera, lungo la statale 16bis all’altezza di San Ferdinando di Puglia, in provincia di Barletta-Andria-Trani, hanno freddato il 48enne di Nocera Inferiore. Il commerciante di ortofrutta era a bordo del suo furgone Iveco bianco, diretto verso il mercato di Molfetta, in provincia di Bari. A detta degli inquirenti è stato vittima di un tentativo di rapina degenerato in omicidio. La reazione del sindaco. «Esprimo pieno e commosso cordoglio alla famiglia per una perdita così cruenta e inaccettabile - ha detto Manlio Torquato - per di più consumatasi per mano assassina mentre Luigi andava a lavoro. Spero che la magistratura e le forze dell’ordine consegnino gli assassini al carcere a vita al più presto». Una presa di posizione durissima nei confronti dei sicari che per un carico di finocchi hanno messo fine alla vita di un uomo da tutti ricordato come gran lavoratore, onesto e amorevole padre di famiglia.

Salvatore D'Angelo

Salvatore De Napoli