il provvedimento 

Il re dei burattini Adriano Ferraiolo cittadino onorario

Alle 18, nella sala consiliare di Battipaglia, la sindaca CeciliaFrancese conferirà la cittadinanza onoraria al maestro burattinaio Adriano Ferraiolo, “interprete brillante del teatro di animazione e...

Alle 18, nella sala consiliare di Battipaglia, la sindaca CeciliaFrancese conferirà la cittadinanza onoraria al maestro burattinaio Adriano Ferraiolo, “interprete brillante del teatro di animazione e cultore della tradizione dell’arte burattinaia”. Il teatro dei Burattini dei Fratelli Ferraiolo è celebre in tutta Italia da oltre un secolo. Ad allestire i primi spettacoli itineranti dei burattini, col teatro mobile, fu ai primi del Novecento Pasquale Ferraiolo. Traendo ispirazione dall’attore-autore napoletano Antonio Petito (considerato il più grande Pulcinella di tutti i tempi), don Pasquale metteva in scena le commedie tipiche del teatro classico napoletano, partecipando - nel 1904 - anche al Festival di Napoli. Pasquale si spense nel 1934 lasciando ai figli Francesco e Salvatore la sua arte. I due fratelli proseguirono insieme il lavoro che poi si interruppe con la seconda guerra mondiale. Nel 1949 sarà Francesco a riprendere l’attività con i suoi tre figli Pasquale, Vittorio ed Adriano, fondando la nuova compagnia “I Fratelli Ferrajolo” che egli stesso diresse fino al 1973, anno della sua morte. La prematura scomparsa di Vittorio, nel 1994, mentre era in viaggio per partecipare al Festival dei Burattini di Bergamo, ha lasciato ad Adriano e Pasquale, il compito di portare avanti l’antica tradizione. Pasquale è scomparso tre anni fa ad 82 anni, ed ora Adriano continua a macinare chilometri in lungo ed in largo con il suo storico teatro. «Sono molto contento - spiega Adriano - di ricevere la cittadinanza onoraria di Battipaglia, che va ad aggiungersi a quelle di Crotone, Calvanico ed Eboli. Il mio lavoro continua anche con i miei figli Simone e Fabio ed i miei nipoti: Carla, Asia, Enza e Samueladriano Ferraiolo, di 10 anni. C’è poi anche il figlio di mio fratello Vittorio, Mario con suo figlio Vittorio Junior». La storia di Adriano Ferraiolo è costellata di traguardi importanti, dalle trasmissioni con la Rai alla nomina a Cavaliere della Repubblica con Giorgio Napolitano, dal ricevimento del Premio Charlot al recente incontro con papa Francesco: «E’ stata un’emozione grande poter consegnare al Santo Padre - ricorda commosso Adriano - il burattino di Pulcinella. In un orecchio papa Francesco mi ha chiesto di far divertire anche i poveri». Appare scontato ricordare che il Teatro Nazionale dei Burattini dei Fratelli Ferraiolo non fa assolutamente intrattenimento solo per i bambini, anzi. Nel repertorio copioni adattati, da Eduardo ai grandi classici del teatro e della letteratura.
Paolo Romano