OGLIASTRO CILENTO 

Il giro ciclistico per “le vite spezzate”

OGLIASTRO CILENTO. Partirà da Ogliastro Cilento il 28 aprile del prossimo anno il giro ciclistico “Le vite spezzate” che si concluderà a Milano il 17 maggio: un giro d’Italia con tappe nelle località...

OGLIASTRO CILENTO. Partirà da Ogliastro Cilento il 28 aprile del prossimo anno il giro ciclistico “Le vite spezzate” che si concluderà a Milano il 17 maggio: un giro d’Italia con tappe nelle località dove si sono verificati infortuni mortali che potevano e dovevano essere evitati. La manifestazione sportiva, promossa da Domenico Nese, tecnico ed esperto di sicurezza, vuole essere un deferente omaggio alle migliaia di vittime di infortuni sul lavoro. Componente del movimento Italia Love Sicurezza ed appassionato delle “due ruote”, ha pensato proprio al fascino della bicicletta per portare avanti un progetto di educazione e formazione alla sicurezza che negli ultimi anni, dopo il trasferimento delle competenze alle Regioni e poi ad organismi tecnici privati, ha in parte smarrito la peculiarità di interventi e controlli negli ambienti di vita e di lavoro.
Il messaggio sportivo che parte dal Cilento vuole essere stimolo a preservare e conservare l’integrità fisica e lavorativa attraverso il rispetto e l’adozione di norme che il legislatore ha posto come cardine in ogni attività.
Per cercare di arginare il dilagante fenomeno Nese ha quindi organizato il giro delle “vite spezzate”, con libera partecipazione degli amanti dello sport del pedale e di quanti vogliono sostenere e collaborare al progetto nel suo variegato percorso. Queste le sedi delle tappe giornaliere di circa 65 chilometri ognuna con alcuni spostamenti in auto o treno: Cava de’ Tirreni, Caserta, Minturno, San Felice Circeo, Aprilia, Roma, Civitavecchia, Orbetello, Grosseto, Piombino, Rosignano Marittimo, Pontedera, Firenze, Bologna, Reggio Emilia, Parma, Fidenza, Piacenza, Milano.
Pietro Comite
©RIPRODUZIONE RISERVATA.