Il carro armato Sherman resta a Latina

Respinta dal ministero la richiesta di Capaccio, confermata la permanenza nel museo pontino

CAPACCIO PAESTUM. Il carro armato Sherman DD, recuperato nelle acque di Paestum nel 2002, resta al museo “Piana delle Orme” in provincia di Latina. Lo ha decretato il ministero dei beni e delle attività culturali. Non è stata accolta la richiesta del Comune di Capaccio Paestum, che ne avrebbe voluto l’assegnazione essendo stato il mezzo rinvenuto lungo il litorale pestano. Con il decreto si riconosce che il museo “Piana delle Orme” è «pienamente in grado di garantire la fruibilità, la valorizzazione e la tutela del mezzo – si legge in una nota del museo. Il ministro Franceschini ha ristabilito in un certo senso il giusto ordine delle cose, con indiscussa saggezza e sensibilità. Al ministro vanno i nostri più sentiti ringraziamenti anche per aver saputo accogliere l’appello giunto dalle migliaia di persone e dai tanti comuni della nostra provincia, che hanno firmato la petizione a lui indirizzata. La direzione del museo ringrazia tutti i sindaci dei comuni firmatari, e tutti coloro che hanno aderito alla petizione».

Il mezzo anfibio fu usato dall’esercito americano nella seconda guerra mondiale per lo sbarco in Normandia del giugno 1944 (fu testato nell’occasione dello sbarco del 9 settembre 1943). Al mondo ne esistono solo altri due esemplari in Francia e in Gran Bretagna. L’operazione di recupero fu finanziata e realizzata da un privato, che espose il cimelio nel suo museo a Borgo Faiti di Latina, dove resterà in esposizione come deciso dal ministero.

Il Comune capaccese, con una delibera di giunta, aveva chiesto l’assegnazione del relitto lo scorso mese di settembre. «Considerato che il mezzo militare è stato rinvenuto nelle acque antistanti la costa di Capaccio Paestum, uno dei luoghi simbolo dell’operation Avalanche, 9 settembre 1943, e che ogni anno sul territorio – si legge nel deliberato di giunta – si celebra la ricorrenza del “Memory day” presso la spiaggia e il monumento in onore della 36esima divisione Texas dell’esercito degli Stati Uniti di America, e considerata la grandissima importanza del reperto bellico, la cui esposizione costituirebbe un fortissimo richiamo culturale, storico e turistico si chiede al ministero dei beni culturali che la destinazione definitiva dello Sherman DD sia quella originaria di Capaccio Paestum».

Angela Sabetta

©RIPRODUZIONE RISERVATA