LA POLITICA

Elezioni regionali in Campania, si inizia con i veleni

La primogenitura sull’aeroporto apre lo scontro tra i “grillini” e De Luca

NAPOLI - Le schermaglie sulla paternità dell’aeroporto di Salerno-Costa d’Amalfi rappresentano solo un gustoso antipasto di ciò che si scatenerà da qui a poco. Perché la campagna elettorale per le elezioni regionali del prossimo anno, è già iniziata. A punzecchiarsi, in questo inizio, sono il Movimento 5 Stelle e il Pd o, meglio, Vincenzo De Luca. Così il ministro Danio Toninelli accusa scherzando (ma non troppo) il governatore di aver sabotato l’aria condizionata allo scalo salernitano nel giorno della sua visita e spara a zero sulla Circumvesuviana, tacciandolo di non essere stato in grado di garantire gli standard minimi di sicurezza. Il governatore De Luca risponde dando a Toninelli la patente di “seccia” (iettatore) e facendo battute sulla sua “permanente”. Le polemiche e i battibecchi, tuttavia, sono destinati ad ampliarsi nei prossimi mesi e, precisamente, quando si entrerà nel vivo della campagna elettorale. Il clima, comunque, già oggi, è surriscaldato per la corsa ad un posto in lista. Da destra a sinistra, passando per il Movimento 5 Stelle, ha già avuto inizio il toto-candidature.

Gaetano de Stefano

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI