mercato san severino 

Disagi alla viabilità, appello Fials 

«Accelerare l’intervento e coinvolgere anche le autorità sanitarie»

MERCATO SAN SEVERINO. L’intervento sulla tangenziale di Salerno continua a far discutere e i disagi per gli utenti riguardano diverse categorie di lavoratori che devono raggiungere quotidianamente il capoluogo. In primo piano torna la questione dei collegamenti dalla Valle dell’Irno con l’ospedale “Ruggi d’Aragona”. Anche se da più parti torna d’attualità l’idea che si studino percorsi utili anche verso gli ospedali dell’Agro nocerino, a partire soprattutto dall’“Umberto I” di Nocera Inferiore.
L’allarme su Salerno arriva stavolta da Mario Polichetti, sindacalista della Fials provinciale e delegato anche ai rapporti con gli Enti locali: «I lavori in tangenziale rischiano di gravare sul lavoro del personale del presidio di Salerno. Eventuali criticità che arrivano da Fratte o dalla zona della Valle dell’Irno rischiano di arrivare troppo tardi nella struttura di via San Leonardo. Nel primo caso c’è la corsia ristretta all’ingresso della tangenziale a Fratte, mentre per le ambulanze che arrivano dalla Valle dell’Irno lo stesso problema c’è anche per chi sceglie di arrivare allo svincolo autostradale di Pontecagnano, ingolfato da chi decide di evitare il blocco a Salerno. Ecco perché ritengo che la direzione generale debba entrare nella discussione di questi lavori e auspico che la prefettura possa attuare un’accelerazione degli interventi».
Per Polichetti, dunque, serve intervenire subito. «C’è un problema legato all’incolumità fisica dei cittadini che non va assolutamente sottovalutato. Bene fanno i sindaci del territorio a mobilitarsi, ma dovrebbero farlo anche le autorità sanitarie. Giocare questa partita tutti uniti può portare solo a dei risultati positivi. Bisogna giocare d’anticipo con l’ulteriore coinvolgimento di Asl e “Ruggi” affinché intervengano nell’ambito di un problema che riveste anche questi enti e che non va delegato alle amministrazioni comunali o ai sindacati».(m. r.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA.