IL CASO

Depurazione, il bluff di “Tavernola”: servirà solo una parte di Battipaglia

Ancora non collegati interi rioni insieme a Bellizzi, Rovella e Pugliano

BATTIPAGLIA - Più di sei cittadini su dieci continuano a sversare i loro reflui nel fiume. Sono i numeri choc del sistema depurazione tra Battipaglia e Pugliano. Di mezzo ci sono quattro comuni: 87mila anime. E non consolano le buone notizie che arrivano da Battipaglia, col depuratore di Tavernola che è stato finalmente potenziato: l’impianto, infatti, serve solo i battipagliesi a sud del fiume. E non i cittadini dei rioni di Serroni e Belvedere, i bellizzesi e i montecorvinesi di Rovella e Pugliano. C’è un appalto da 7 milioni aggiudicato 10 mesi fa, ma non si è visto neppure un operaio. «Lunedì partono i lavori », annuncia Egidio Rossomando , sindaco di Rovella.

Carmine Landi