La sfilata in abiti medievali durante la manifestazione il Crocifisso ritrovato

IL REPORT

Dal Comune di Salerno 332mila euro alle associazioni

L’elenco di tutte le manifestazioni culturali, di spettacolo, religiose e sportive finanziate nel 2018

Vedendo l’elenco preparato dal settore Turismo e spettacolo, il Comune di Salerno nel 2018 per contributi ad associazioni ha speso 332mila 820 euro. Si tratta di manifestazioni di carattere culturale, musicale ma anche religiose e sportive. Naturalmente, non rientrano in questo elenco i costi del Teatro Verdi o quelli per Luci d’artista. Ma vediamo più nel dettaglio la lista: ll maggior contributo lo ha ricevuto la manifestazione “Salerno letteratura”, promossa dall’associazione Duna di Sale; il Comune ha partecipato con 40mila euro. Poi c’è il contributo per Linea d’ombra festival di 36mila euro. Terzo posto per il consorzio “La città teatrale” che riunisce tutti i teatri privati della città. Il Consorzio ha ricevuto un contributo di 30mila euro. Due i contributi per la Bottega San Lazzaro; il primo di 22mila e 500 euro per “Il Crocifisso ritrovato”, il secondo di 21mila euro per la rassegna teatrale ai Barbuti. Ventimila euro, invece, sono stati dati quale contributo per la manifestazione Bits Festival e per Jazz in luce, mentre 15mila euro sono andati al Festival del Cinema di Salerno. Soltanto altri due eventi hanno ricevuto un contributo superiore o pari ai 10mila euro. Si tratta della mostra della Minerva organizzata dall’associazione Hortus Magnus (11mila 500 euro) e di Mutaverso promosso dall’associazione Erre Teatro (10mila euro). L’elenco prosegue con l’associazione Gruppo archeologico salernitano che ha ricevuto un contributo di 7mila euro e con l’associazione Irno Comix Games (6mila 500 euro). L’associazione Cta ha ricevuto con due distinte delibere un totale di 11mila euro. E tre distinti contributi ha ricevuto anche l’associazione Correnti e maree, per tre diversi eventi, per un totale di 13mila euro. Seimila euro sono stati dati anche all’associazione San Matteo quale contributo per i festeggiamenti civili in occasione della festa patronale. Proseguendo troviamo l’associazione Atletica Vis Nova che ha ricevuto 4mila euro per l’organizzazione della Strasalerno. Poi ci sono i 3mila e 500 euro per “Casa della poesia” e quelli all’Anva per l’organizzazione della musica nei mercati rionali nel periodo natalizio. L’associazione Azimut che ha organizzato il Campionato di vela per i non vedenti ha ricevuto 3mila e 380 euro, mentre 3mila euro sono andati all’associazione regionale dei Cori campani. Il Comune ha contribuito, poi, con 3mila euro per l’Infiorata di Ogliara e con la stessa cifra per l’organizzazione del presepe vivente promosso dall’associazione Sant’Andrea dell’Annunziatella. Sempre 3mila euro hanno ricevuto anche l’associazione Scena Teatro, Estro Armonico per la manifestazione Natale in coro, la parrocchia Santa Maria dei Barbuti e l’associazione Street Kali. Le associazioni Arte Studio e Adorea hanno avuto, invece, 2mila e 500 euro ciascuna. Contributo di 2mila euro per l’associazione Ars Nova che ha organizzato degli spettacoli natalizi al teatro Nuovo, per la parrocchia Santa Maria delle Grazie e la sua via Crucis, per l’associazione Plaium Montis che organizza Teatrando al quadriportico, per gli “Amici del sacro cuore”, per l’associazione Bruno Zevi e per le associazioni Estro armonico e Laes per il Cantagiovani. L’elenco si completa con l’arciconfraternita Madonna del Carmine (1.800 euro), Associazione Pdo (due delibere da 1.500 euro ciascuna), Picentia Badminton club (1.490 euro), associazione Creativi si nasce (1.250 euro), Lega navale Italiana (1.000 euro), associazione La bottega di Will (1.000 euro), associazione Camera nazionale avvocati (500 euro), associazione Metropolis (500 euro) e associazione Humus (400 euro).

Angela Caso

©RIPRODUZIONE RISERVATA