L'ALLARME EPIDEMIA

«Da 18 giorni a casa. Non sappiamo l’esito dell’analisi decisiva»

La denuncia di una donna di Salerno “isolata” con i familiari: «Aspettiamo da martedì, i nostri esami sono stati congelati»

SALERNO -  «La mia storia è quella di tante persone che sono stanche di non avere risposte certe: finiremo per uscire, fregandocene delle regole che ci impongono l’isolamento». Parla con il cuore in mano e tanta rabbia Leopolda Cibelli: la donna di Salerno, infatti, si trova in isolamento domiciliare - pur essendo negativa - da 18 giorni. Un tempo lunghissimo, ben oltre quello imposto dai regolamenti nazionali. E il motivo è quello che sempre più spesso viene segnalato da tante persone che hanno avuto un “faccia a faccia” con il virus: mancano i risultati dei tamponi - in questo caso quelli di “controllo” - che, sempre più spesso, fanno il giro della Campania, provocando ritardi nelle comunicazioni. Per chi aspetta le risposte, l’attesa diventa un vero inferno.

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI