la sentenza 

Crediti mai incassati La Bcc vince in Cassazione

Crediti mai incassati da una società dichiarata fallita, la Cassazione dà ragione ai manager della Banca di Credito cooperativo di Scafati e Cetara. Gli ermellini, infatti, hanno rinviato gli atti al...

Crediti mai incassati da una società dichiarata fallita, la Cassazione dà ragione ai manager della Banca di Credito cooperativo di Scafati e Cetara. Gli ermellini, infatti, hanno rinviato gli atti al Tribunale di Nocera Inferiore per una nuova decisione sulla somma di 231.338,23 euro legata a un mutuo fondiario stipulato dall’istituto bancario con la società poi fallita. Il giudice nocerino aveva dichiarato inammissibile la richiesta dei legali della Bcc, perché la domanda di riconoscimento della prelazione era stata formulata in via del tutto generica. Ma la Cassazione ha ribaltato la decisione, poiché, secondo gli ermellini, “il giudice del merito, nell’indagine diretta all’individuazione e alla portata delle domande sottoposte al suo esame, non è tenuto ad uniformarsi al tenore letterale degli atti nei quali le domande medesime sono precisate, dovendo, per converso, aver riguardo al contenuto sostanziale della pretesa fatta valere, desumibile anche dai documenti allegati a suo sostegno”.
Pertanto nel caso specifico, in cui la causa del credito era stata compiutamente indicata ed il contratto di mutuo fondiario era stato prodotto dalla Bcc di Scafati e Cetara, la magistratura nocerina, per la Cassazione, «non poteva respingere l’opposizione arrestandosi al rilievo della genericità del tenore testuale della richiesta di ammissione al privilegio, ma avrebbe dovuto valutare se l’indicazione del titolo della prelazione ed il bene sul quale la stessa andava esercitata fossero desumibili dai documenti allegati alla domanda».
L’accoglimento del ricorso dei manager della Bcc, ora comporta il rinvio della causa, per un nuovo esame, al Tribunale di Nocera Inferiore in diversa composizione, che liquiderà anche le spese del giudizio di legittimità discusso nelle scorse settimane.(d. g.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA