L'EMERGENZA EPIDEMIA

Coronavirus, la riapertura è un salasso: pizze molto “salate”

In molti resteranno chiusi. Almeno 150 euro al giorno i costi per la sanificazione

SALERNO - Può arrivare a costare mediamente tra i 100 e i 150 euro al giorno il solo mantenimento delle misure igieniche ai tempi della Covid 19, al quale aggiungere le spese dei dispositivi di protezione individuale per chiunque operi all’interno di un’attività di ristorazione. Senza, inoltre, contare le difficoltà e soprattutto i costi per la consegna a domicilio. Servita così, la riapertura per molti si allontana. Quindi continuano le consultazioni tra tecnici e titolari di bar, ristoranti, pizzerie e pasticcerie di Salerno, come di tutta la Campania: fino a prima di Pasqua, molto esercenti chiedevano la riapertura con il delivery a domicilio, ma adesso, a conti fatti, stanno scoprendo che non conviene. Salvatore Fiorillo è titolare di diverse attività a Salerno, un bar all’interno del porto commerciale, un ristorante e una pescheria e fa due conti.

E lui stesso fa i conti: «Fare la sanificazione costa cento euro a volta. Poi bisogna acquistare dispenser di igienizzati per le mani, almeno tre per locale, costo singolo 55 euro, e la ricarica il cui prezzo è da stabilirsi ma non meno di 50 euro; 18 euro al giorno per le dotazioni di dispositivi a protezione individuale per chi lavora nel locale, più la visiera che costa altri 12 euro, che va igienizzata ogni fine turno, e 16 centesimi per i guanti ogni ”servita” ad un cliente. A questi si aggiungono i soldi per le ripetute pulizie del locale durante la giornata. Totale solo per questa parte oltre 100 euro al giorno».

Salvatore De Napoli

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI