L'EMERGENZA EPIDEMIA

Coronavirus, il medico no vax: «Le proteste? Una porcata»

Pasquale Bacco sospeso dall’Ordine ora punta il dito contro i movimenti

SALERNO - «Troppi errori e spazi concessi all’infiltrazione politiche oltre e al protagonismo di personaggi improbabili che hanno trasformato manifestazioni come quella di Roma in una porcata. Ecco perché finora i movimenti “no green pass” e “no vax” hanno fallito». A dirlo è uno dei punti di riferimento di quel movimento, il medico di origini battipagliesi Pasquale Mario Bacco, componente dell’associazione “L’Eretico”. Il medico legale e ricercatore, per sette anni studioso dei virus e dei vaccini negli Usa, non fa marcia indietro ma stigmatizza i comportamenti di molti no green pass e no Vax.

«Invece di un confronto serio e su basi scientifiche, sia mediche che filosofiche, abbiamo visto di tutto e la manifestazione del Circo Massimo a Roma ne è stata la riprova. Un crollo di credibilità che ha portato a un fallimento». Bacco rincara la dose: «Come si può dire che la Covid non esista, che sia come un’influenza più forte. Come si può pensare che i medici vogliano mandare a morte o nelle terapie intensive i pazienti. E poi c’è chi parla di punizioni divine, complotti internazionali ed altre idiozie simili». (sdn)

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI