L'EMERGENZA EPIDEMIA

Coronavirus, “caccia al vaccino”: la Campania fa da sé

Affidato a Soresa l’incarico di cercare ulteriori forniture di dosi sul mercato

«Regione, numero verde “muto”»

Vaccino Covid, al via la prenotazione per Forze dell'Ordine e Università

SALERNO - La “Repubblica della Campania” compra i vaccini. Nella disfida tra i grandi della terra, che sgomitano a caccia delle introvabili dosi, l’unica arma capace di debellare il mostro Covid, e c’è chi parla di frazionare il farmaco, come in guerra, il presidente della giunta regionale, Vincenzo De Luca, ricorre al “fai-da-te”. L’Unione Europea arranca? La Campania conta di riuscire a far meglio d’Italia, Francia e Spagna, pure a costo di reperirli altrove, i partner, tra le case farmaceutiche ancora «in corso d’autorizzazione».

Di martedì sera, a Palazzo Santa Lucia, lo “sceriffo” riunisce i suoi assessori, che approvano a voto unanime il fatidico atto: parrebbe una delibera del Consiglio dei ministri, ed invece è un provvedimento amministrativo della giunta della Campania, che decide «di attivare ogni canale per la verifica della possibilità di acquisire sul mercato, nel rispetto delle disposizioni di legge e in conformità agli standard di sicurezza, dosi vaccinali ulteriori rispetto a quelle disponibili per il territorio regionale».

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI