I CONTROLLI

Cava de' Tirreni, tolleranza zero sulla movida chiassosa

Nuovi controlli della Municipale ai locali notturni non in regola

CAVA DE' TIRRENI - Ancora controlli serrati nei confronti della movida cittadina di Cava de’ Tirreni e pattugliamenti straordinaria da parte del personale delle polizia locale, rigorosamente in borghese: due locali nel mirino per sforamento degli orari consentiti per le emissioni sonore e la musica dal vivo, ed errato conferimento dei rifiuti. Ma dal comitato dei residenti arriva l’appello: «Non è abbastanza, c’è una disparità di trattamento e alcune situazioni di irregolarità passano del tutto impunite». Dopo la retata della settimana scorsa – con carabinieri, polizia e Guardia di Finanza schierati per una controllo antidroga capillare che non aveva portato ad alcun riscontro negativo - continuano dunque i monitoraggi sulla movida nella valle metelliana. Nel corso del fine settimana appena trascorso, infatti, sei unità in abiti civili della sezione ambiente e della sezione annona del locale comando di polizia municipale hanno provveduto ad eseguire un capillare controllo del centro città, con particolare attenzione al rispetto del regolamento per il Borgo Grande ed al conferimento dei rifiuti. Riscontrata pure un’infrazione ad un locale del corso Umberto I, che alle 00.30, (l'orario consentito è fino alle 24), intratteneva i clienti con un deejay e musica ad alto volume. Lo stesso esercente era stato già sanzionato la settimana precedente. Alle 2, invece, sono stati colti in flagranza i dipendenti di alcuni locali di ristorazione e intrattenimento che depositavano rifiuti fuori calendario.

Giuseppe Ferrara