PERSONAGGI

Casellati entra nel presepe: «Amo Napoli»

La visita in città della presidente del Senato

NAPOLI - Hanno già fatto il giro del web le statuine del presepe napoletano che ritraggono Mussolini ed Hitler o personaggi loschi delle seguitissime serie di Netflix. Ma a tenere banco questo fine settimana è quella della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, realizzata dalla storica bottega Ferrigno. Prima donna a presiedere il Senato, ma anche affermato avvocato matrimonialista specializzato nelle cause di nullità davanti la Sacra Rota. Dal 1974 a capo di uno studio legale a Padova, è nel 1994 che aderisce a Forza Italia e comincia la sua carriera politica. La presidente non si risparmia e, in questo lungo fine settimana in visita a Napoli, ha trovato tempo per tutto: partecipare ad una cerimonia ufficiale degli avvocati partenopei, incontrare i direttori dei Dipartimenti della Federico II, inaugurare l’anno accademico all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, fare un salto al rione Sanità per parlare con don Antonio Loffredo, passare a San Gregorio Armeno, ma anche per provare a stendere una pizza e degustare una cucina che ama molto. «Non posso dire di conoscere bene Napoli ma di amarla sì», racconta con grande disponibilità. «Quando arrivo, alloggiando sul lungomare, la prima cosa che mi colpisce sempre è il mare. Qui ha un odore che mi rapisce subito, mi rigenera e mi regala serenità. Di questa città meravigliosa apprezzo la genialità, che è evidente in tante cose».