IL FATTO

Carcere di Salerno, cocaina e hashish nascosta nei pennarelli

Negli involucri erano occultati dieci grammi da consegnare via posta a un detenuto

 

SALERNO - Avevano riempito di droga gli involucri di normali pennarelli e con questo escamotage pensavano di poterla fare entrare senza problemi nel carcere di Salerno, per consegnarla, attraverso la corrispondenza, a uno dei detenuti della casa circondariale di Fuorni. Ma il trucco non ha funzionato perché gli agenti della polizia penitenziaria in servizio nella struttura, infatti, si sono insospettiti ed hanno approfondito i controlli e ben presto hanno trovato l'insolito contenuto di quel pennarello: circa dieci grammi tra cocaina, hashish e marijuana.

Così, nella giornata di ieri, è scattata l’inchiesta della Procura della Repubblica di Salerno sull’ennesimo tentativo di introdurre sostanze stupefacenti all’interno del carcere di via del Tonnazzo. Adesso si attendono eventuali provvedimenti da parte dell’autorità giudiziaria. Per ora il fascicolo è contro ignoti. Tuttavia, le indagini si concentreranno sul detenuto che avrebbe dovuto ricevere, via posta, la droga occultata in normali pennarelli.

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI