Bomba carta contro il Comune 

Distrutte due porte e una finestra al piano terra. Cariello: «Solo vandalismi»

Fine di anno con il botto, anzi, con la bomba carta contro il Comune. Domenica pomeriggio, nel pieno dei festeggiamenti e dei brindisi in attesa della mezzanotte, in via Ripa, per l’occasione chiusa alla circolazione veicolare, all’altezza delle scale che conducono in piazza Tito Flavio Silvano si è udito un forte botto che ha distrutto due porte e una finestra al piano terra del palazzo del municipio.
Sul posto sono subito arrivati il sindaco Massimo Cariello e alcuni assessori che si trovavano in via Ripa: il primo cittadino ha subito disposto che venissero installati dei pannelli per coprire gli spazi vuoti aperti tra i vetri frantumati. Comunque i cancelli e le grate all’ingresso hanno evitato che qualche estraneo potesse infilarsi negli uffici di via Ripa.
Insieme al sindaco e agli assessori sono subito giunti sul posto anche gli agenti della polizia locale, con il comandante Mario Dura, e i carabinieri guidati dal comandante Luca Geminale. Sono subito scattate le indagini per risalire al responsabile, o ai responsabili, e in queste ore si stanno visionando i filmati delle telecamere della videosorveglianza. Da ieri mattina è infatti all’attenzione della polizia locale il disco delle immagini registrate in zona per cercare di comprendere chi abbia lanciato la bomba carta contro il Comune.
«Penso che sia stato il gesto di alcuni vandali, non vedo altri motivi - ha commentato il sindaco Cariello - ma è comunque un episodio che condanniamo in pieno. Abbiamo subito messo in sicurezza la zona e le forze dell’ordine stanno visionando le immagini delle telecamere».
A parte questo episodio la notte del 31 è trascorsa con un quantitativo ridotto di botti sparati, segno che l’ordinanza di divieto ha iniziato a funzionare e la civiltà e la prevenzione hanno fatto il resto: «Si sono registrati pochi botti - conclude Cariello - sintomo che la gente sta recependo l’invito al rispetto dell’ordinanza comunale».(a. e.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA