oliveto citra

Bomba carta al bancomat per un colpo da 3000 euro

OLIVETO CITRA. Bomba al bancomat, rubati 3000 euro. Attimi di terrore ieri per i residenti di località Ponte Oliveto a Oliveto Citra, svegliati dall’esplosione di una bomba carta posizionata davanti...

OLIVETO CITRA. Bomba al bancomat, rubati 3000 euro. Attimi di terrore ieri per i residenti di località Ponte Oliveto a Oliveto Citra, svegliati dall’esplosione di una bomba carta posizionata davanti al bancomat della Banca di Credito Cooperativo di Buccino. Erano da poco passate le quattro del mattino quando i malviventi, dopo essersi accertati di poter agire indisturbati hanno posizionato la bomba carta davanti allo sportello automatico bancario sottostante le abitazioni, facendolo esplodere e portando via l’intero contenuto, circa 3000 euro in contanti.
Immediato l’allarme lanciato al 112 dai cittadini, mentre i ladri si sono dileguati a bordo di un’Audi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Contursi Terme diretti dal maresciallo Bruno Sacchinelli che hanno effettuato i rilievi del caso. Intanto gli inquirenti che indagano con massimo riserbo sulla vicenda, hanno sequestrato i filmati delle telecamere di videosorveglianza della banca che hanno ripreso la scena e potrebbero aiutare i militari a risalire agli autori del gesto.
Non si esclude che gli autori del colpo perpetrato al bancomat a Oliveto Citra siano gli stessi che pochi giorni fa hanno fatto esplodere una bomba davanti al bancomat della Bcc di Buccino situato in località San Licandro a Sicignano degli Alburni e si sono dati alla fuga senza poter incassare il bottino. Anche in questo caso, i ladri hanno agito in tempi record, circa 4 minuti e mezzo per mettere a segno il colpo e scappare. Una vicenda che ha suscitato la preoccupazione del direttore della Bcc Buccino, Giuseppe Tuozzo, che ha deciso di rafforzare i controlli ai bancomat della Bcc sparsi su tutto il territorio della Valle del Sele e di chiudere alcuni sportelli automatici considerati “punti sensibili”.
Mariateresa Conte
©RIPRODUZIONE RISERVATA