IL BLITZ

Appalti truccati a Salerno, l'avvocato di Napoli: «Dimostrerò la sua estraneità»

In una nota si legge: «Non gli è addebitata alcuna condotta specifica»

SALERNO - «Il mio assistito apprende da notizie diffuse e divulgate nella giornata odierna da testate giornalistiche di essere sottoposto ad indagini da parte dell’autorità giudiziaria salernitana. L’accusa riguarderebbe un suo presunto coinvolgimento per l’affidamento di un servizio di lavaggio delle strade. In verità, pare che al primo cittadino non venga attribuita alcuna condotta specifica, né alcun interessamento concreto rispetto alla relativa procedura amministrativa». Si legge in una nota diffusa dall'avvocato Cecchino Cacciatore legale del primo cittadino di Salerno, Vincenzo Napoli.

«D’altra parte, non potrebbe essere diversamente dal momento che il detto servizio di pulizia attiene ad  una procedura svoltasi in piena emergenza Covid, per un importo assai esiguo (pari a circa 4.000 euro), ma soprattutto di stretta ed esclusiva competenza della società Salerno Pulita. Il Sindaco, pertanto, si dichiara certo di dimostrare la propria estraneità, di chiarire al più presto la propria posizione e chiedere l’archiviazione dell’accusa», conclude la nota.