IL CASO

«Aggressione in Comune a Cava, c’è una talpa»

Chiesto il processo per l’ex custode che malmenò il dirigente Sorrentino dopo lo sfratto dall’abitazione accanto all’asilo

Chiesto il rinvio a giudizio per l’ex dipendente del Comune di Cava de’ Tirreni che lo scorso 4 giugno si è reso protagonista di un’aggressione ai danni del dirigente comunale responsabile del I settore Servizio Affari Generali, Servizio del Personale e Servizio Finanziario, Francesco Sorrentino. Passato oltre un mese d’allaccaduto, infatti, il sostituto procuratore Roberto Lenza, ha chiuso le indagini chiedendo la data di rinvio a giudizio per l’aggressore. Sarà ora il gip a fissare il giorno dell’udienza preliminare.
Nel frattempo si attendono gli esiti dell’indagine interna avviata da Palazzo di Città per avere riscontro in merito alla “fuga di notizie” lamentata dal dirigente Sorrentino e che, stando a quanto raccontato in una nota indirizzata al sindaco Vincenzo Servalli pochi giorni dopo l’accaduto, sarebbe alla base dell’equivoco che ha poi portato all’aggressione. L’ex dipendente comunale, custode in pensione dell’asilo di via Carillo, aveva malmenato Sorrentino nel suo ufficio il giorno in cui gli incaricati del Comune stavano provvedendo allo sfratto esecutivo dalla sua abitazione.