Skip to content

Angri, donna incinta aggredita da cane randagio

Ferita anche una 60enne ed il loro animale domestico
Angri, donna incinta aggredita da cane randagio

Erano quasi all’uscita dal cancello secondario della villa comunale di Angri, che va in Piazza Doria, quando, circa le 22,30, un cane senza collare e probabilmente randagio, ha attaccato il cane domestico, tenuto al guinzaglio dalla padrona, azzannandolo a più riprese e poi proseguendo la sua feroce azione verso la donna, la 60enne G.I., che ha riportato ferite al braccio sinistro contusioni, e ha dovuto far ricorso alle cure del pronto soccorso dell’ospedale di Nocera Inferiore.

Per lei una prognosi di dieci giorni e la sutura con alcuni punti oltre che costretta ad antitetanica e ad una terapia anti panico. Tanta la paura che ha coinvolto anche la giovane figlia incinta, N.M. di 26 anni, costretta anch’essa a far fronte alle cure ospedaliere con un intervento ginecologico, in codice rosso, per verificare le condizioni di salute della giovane, al sesto mese di gravidanza. Danni fisici anche per il cane domestico, ferito in più parti. Sul posto erano presenti anche i carabinieri di Angri impegnati in un’attività di controllo ordinario. Tuttavia nessun’azione è stata compiuta per tutelare le altre persone presenti ed il cane di grossa taglia è rimasto libero senza alcun intervento.

«Eravamo all’uscita della villa comunale per una passeggiata quando siamo state attaccate da questo cane di grossa taglia, senza guinzaglio, abbiamo ancora negli occhi il terrore per quanto ci è capitato» – dichiarano le due donne.

Leggi anche