Skip to content

Lanciava cellulari in carcere con “mega fionda”: nei guai 38enne di Pontecagnano

A insospettiate i carabinieri un forte odore di cannabis
Lanciava cellulari in carcere con “mega fionda”: nei guai 38enne di Pontecagnano

Erano probabilmente destinati ai detenuti del carcere di Carinola i 6 cellulari e relativi caricabatteria sequestrati dai carabinieri della Stazione cittadina ad un 38enne di Pontecagnano e ad un 25enne di Torre Annunziata (Napoli). Sequestrata anche una fionda gigante idonea al lancio a lunga gittata. Quando sono stati controllati dai carabinieri i due erano a bordo di un’autovettura Opel Corsa, ferma ai margini della strada, in via Annunziata a Carinola, a circa 200 metri dal carcere.

A destare inizialmente il sospetto dei carabinieri, che hanno deciso di procedere al controllo degli occupanti, è stata l’ingiustificata presenza di quel veicolo in una zona isolata a ridosso dal carcere. Poi il forte odore di cannabis, proveniente dall’abitacolo, ha indotto i militari dell’Arma ad eseguire una perquisizione personale e veicolare che ha consentito loro di sequestrare, oltre a pochi grammi di hashish, anche 6 cellulari con relativi caricabatteria nonché una fionda gigante con relative aste in metallo, idonea al lancio di oggetti a lunga gittata. I telefoni cellulari come anche la fionda sono stati trovati sul sedile posteriore.

Gli smartphone, in particolare, erano racchiusi all’interno di apposite forme realizzate in schiuma poliuretanica espansa e quindi confezionati in modo da non subire danni a seguito di caduta. I due, uno dei quali (il 25enne) con anche a carico le Misure della Sorveglianza Speciale e dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, sono stati denunciati per ricettazione. Il 38enne, invece, anche per false dichiarazioni sulla identità o sulle qualità personali proprie avendo fornito false generalità all’atto del controllo.

Leggi anche