Skip to content

Cpr “lager”a Milano, chiesto processo per vertici ditta di Salerno

Gli indagati sono accusati di frode in pubbliche forniture e turbativa d'asta
Cpr “lager”a Milano, chiesto processo per vertici ditta di Salerno

La Procura di Milano ha chiesto il processo per Alessandro Forlenza e Consiglia Caruso, amministratori di fatto e di diritto della Martinina srl, e per la stessa società con sede a Salerno, accusati di frode in pubbliche forniture e turbativa d’asta, nell’inchiesta sul Centro di permanenza rimpatri di via Corelli a Milano in cui i migranti, secondo la ricostruzione, sarebbero stati rinchiusi in condizioni “disumane” e “infernali”.

La richiesta di rinvio a giudizio è stata firmata nei giorni scorsi dai pm Paolo Storari e Giovanna Cavalleri i quali, lo scorso 13 dicembre, avevano ottenuto il sequestro di un ramo di azienda della Martinina che gestiva, per l’appunto, il Cpr. Le indagini, grazie a un’ispezione della Gdf, avevano fatto emergere una situazione per la quale si è reso necessario nominare un amministratore giudiziario: “cibo pieno di vermi”, assenza di mediatori culturali e linguistici, l’uso costante di “psicofarmaci”, letti e bagni fatiscenti, solo per citare alcuni fatti riscontrati dalle Fiamme Gialle. Inoltre, come è emerso nell’avviso di conclusione delle indagini, Forlenza risponde di altre imputazioni, in quanto “quale amministratore di fatto di Engel Italia srl e Martinina srl” avrebbe presentato “documentazione contraffatta” partecipando ad altre “gare d’appalto” sulla gestione, in particolare, di centri di accoglienza per stranieri richiedenti asilo, tra Milano, Salerno, Brindisi e Taranto. Ora la parola passa al gup.

Leggi anche