Skip to content

Slot fuorilegge, nel Cilento multe per 60mila euro

Finito sotto sequestro 3 apparecchi
Slot fuorilegge, nel Cilento multe per 60mila euro

La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno, unitamente a Funzionari del locale Ufficio dei Monopoli di Salerno, nell’ambito di un piano coordinato di interventi per il contrasto al gioco illegale ed irregolare, nei giorni scorsi hanno elevato sanzioni per un totale di 60mila euro e posto sotto sequestro amministrativo 3 apparecchi e congegni da divertimento e intrattenimento.

Nello specifico, i Finanzieri della Compagnia di Vallo della Lucania e il personale dell’ADM hanno effettuato diversi controlli all’interno di centri scommesse e sale giochi del Cilento. In particolare, in un bar, è stata riscontrata la presenza di 3 apparecchi (in gergo, chiamati video Newslot o AWP) messi nella libera disponibilità di tutti gli avventori senza esporre, in luogo visibile, la prevista tabella dei giochi proibiti.

Inoltre, è stato riscontrato che i giochi presentavano al loro interno una scheda non installata secondo le regole tecniche stabilite con appositi decreti dalla legislazione vigente. La norma in parola stabilisce, infatti, che i collegamenti tra il contenitore della scheda di gioco e gli altri dispositivi che costituiscono l’apparecchio di gioco, predisposti dal produttore od importatore, devono essere isolati, unitamente al contenitore della scheda di gioco, mediante una copertura di materiale metallico, idonea ad impedire ogni modifica ai collegamenti stessi, al fine di garantire la correttezza del gioco ed evitare l’inganno agli avventori.

Per tale condotta, sono state irrogate sanzioni amministrative nei confronti del titolare dell’esercizio e del proprietario dei giochi, per un totale appunto di 60mila euro, procedendo al sequestro delle relative schede presenti all’interno delle Newslot, dei titoli autorizzatori, e dell’importo rinvenuto all’interno delle stesse (circa 1.500 Euro).

Infine, il titolare dell’attività commerciale, per la mancata installazione della cartellonistica, è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania.

Leggi anche