Skip to content

Sanità in lutto, morta la dirigente sindacale Margaret Cittadino

Da sempre in prima linea per essere vicina agli ultimi, aveva concentrato il suo impegno al fianco dei lavoratori e dei pazienti
Sanità in lutto, morta la dirigente sindacale Margaret Cittadino

Il mondo della sanità, della politica e del sindacato è in lutto per la morte di Margaret Cittadino. La storica dirigente sindacale e rappresentante della sinistra di Salerno si è spenta nelle ultime ore dopo aver combattuto negli ultimi mesi con alcuni problemi di salute. Una donna che ha lasciato il segno sulla città di Salerno e non solo: da sempre in prima linea per essere vicina agli ultimi, negli anni Cittadino aveva concentrato il suo impegno sul mondo della Sanità, sempre al fianco dei lavoratori e dei pazienti per rivendicare i loro diritti.

«La notizia della scomparsa di Margaret Cittadino oggi addolora una intera comunità. Margaret è stata una donna straordinaria che ha dedicato la sua esistenza alla difesa dei diritti dei lavoratori e dei malati, a difesa dell’universalità della sanità pubblica. Margaret è stata un faro di speranza per molti, un esempio di impegno e dedizione. La sua lunga militanza sindacale all’interno della Funzione Pubblica CGIL e nella CGIL confederale ha lasciato un’impronta indelebile. Ha lottato fino all’ultimo respiro per condizioni di lavoro dignitose, per la giustizia sociale e per una sanità accessibile a tutti. La sua passione e la sua determinazione ha ispirato generazioni di attivisti e lavoratori. Margaret non si è mai tirata indietro di fronte alle sfide. Ha affrontato le difficoltà con coraggio e ha sempre cercato e proposto soluzioni. La sua voce si è levata contro le ingiustizie, i tagli al sistema sanitario e le carenze di personale. Ha lavorato instancabilmente per garantire che ogni cittadino avesse accesso a cure di qualità. Oggi, mentre diciamo addio a Margaret, la ricordiamo con gratitudine e riconoscenza. Il suo spirito combattivo e la sua dedizione rimarranno sempre nei nostri cuori. Continueremo a portare avanti la sua eredità, impegnandoci per un mondo più giusto e solidale. Addio, cara Margaret, riposa in pace», il messaggio di Antonio Capezzuto, segretario provinciale della Funzione Pubblica della Cgil.

Leggi anche