Skip to content

Bimbi e anziani, Salerno bocciata

di Gaetano de Stefano
Servizi e salute: il “Sole24Ore” relega la nostra provincia agli ultimi posti
Bimbi e anziani, Salerno bocciata

La provincia di Salerno non è a misura d’uomo (e di donna). Perché in base alla classifica sulla qualità della vita, stilata dal Sole 24 Ore, non può essere considerata una “terra promessa” né per i bambini, né per i giovani e neppure per gli anziani. Nella graduatoria del quotidiano economico – che misura le “risposte” dei territori alle esigenze specifiche dei tre target generazionali più fragili e insieme strategici, i servizi a loro rivolti e le loro condizioni di vita e di salute – la provincia di Salerno si piazza sempre oltre l’80esima posizione.

Per quanto riguarda i bambini (0-10 anni), Salerno si posiziona all’89esimo posto, con un punteggio totale di 304,7; in quella riservata ai giovani va ancora peggio, perché si retrocede di una posizione, con il 90esimo posto (385,8); va un po’ meglio per gli anziani, con l’84esimo posto (368,4). A conti fatti una bocciatura in piena regola per il territorio salernitano, con scarsi servizi, che fanno precipitare la provincia nei bassifondi delle classifiche nazionali.

Leggi anche