Skip to content

Morte nel cantiere a Scafati, tensioni in Procura

I familiari dell’operaio deceduto insorgono alla richiesta dei legali di esami tossicologici
Morte nel cantiere a Scafati, tensioni in Procura

Cinque gli indagati di omicidio colposo: il titolare di una ditta di Santa Maria La Carità che aveva l’appalto da parte del condominio di via Melchiade dove venerdì scorso è avvenuto l’incidente, assistito dall’avvocato Bonaventura Carrara; quelli della ditta di Boscoreale per la quale lavorava Panariello incaricata delle opere secondarie; l’amministratore del palazzo teatro dell’incidente, questi ultimi tre assistiti dall’avvocato Maria Rispoli; e il tecnico direttore dei lavori nominato dal condominio, difeso dall’avvocato Andrea Manzillo. L’unico al momento a depositare la nomina di un medico legale di parte, il professor Carlo De Rosa, è stato il titolare della ditta di Santa Maria la Carità.

Ieri mattina, il conferimento incarico in un clima pesante: qualche familiare non ha preso bene la richiesta di integrazione dei quesiti da porre al medico legale relativi ad esami tossicologici, ritenendo che questo potesse insinuare qualcosa, mentre è solitamente una normale prassi in casi del genere. Al momento ci sono gli accertamenti autoptici da ultimare, con perizia da consegnare entro 90 giorni. In questo lasso di tempo, arriveranno certamente le relazione dello Spsal dell’Asl Salerno sulle cause dell’incidente e se durante la manovra di salita della lamiera sia stato fatto tutto correttamente e per quale motivo si è staccata finendo nel tranciare la gola del 22enne.

Contemporaneamente si dovrebbero concludere le indagini circa la posizione lavorativa di Panariello, i cui familiari sono assistiti dagli avvocati Gennaro Caracciolo e Agostino Russo entrambi del foro di Santa Maria Capua Vetere. Il giovane sarebbe stato dipendente della ditta che stava collaborando con quella principale per realizzare alcune opere secondarie rispetto a quelle in corso da parte della ditta appaltatrice, ma avrebbe lavorato a nero. Il giovane si sarebbe più volte lamentato delle condizioni di insicurezza del suo lavoro, di essere occupato con una paga bassa e di lavorare a nero.

Leggi anche