Skip to content

Salerno, siringhe e rifiuti in spiaggia: sos a Mercatello

I volontari di “Voglio un mondo pulito” hanno ripulito l’area dell’ex lido Arenella
Salerno, siringhe e rifiuti in spiaggia: sos a Mercatello

Il loro lavoro è stato in parte frenato dalla pioggia che si è abbattuta sabato su Salerno. Ma l’ennesima operazione di bonifica di “Voglio un mondo pulito”, il collettivo di giovani guidato da Ciccio Ronca, ha riportato all’attenzione dei cittadini (e non solo) una delle spiagge dove si registrano le maggiori criticità in città: quella dell’ex lido Arenella, a Mercatello. L’area, dopo la dismissione dello stabilimento balneare, è abbandonata e piombata nel degrado ormai da anni: lì, infatti, non solo “resistono” i resti della struttura (che in passato è stata anche al centro di polemiche, causa presenza di amianto poi rimosso) ma la zona che circonda la spiaggia è diventata area di bivacco.

Come emerge dalle fotografie pubblicate da “Voglio un mondo pulito” dopo il clean up dell’ultimo weekend, infatti, sono state rimosse anche delle siringhe usate, segno che in zona si è formato una sorta di ritrovo per tossicodipendenti. Da tempo, i residenti chiedono interventi e un rilancio di una spiaggia che, anche grazie al ripascimento, potrebbe attrarre molte persone. E, invece, come capita spesso anche in altre zone della città, è toccato al collettivo di giovani provare a cancellare un po’ del degrado della zona. Nel consueto resoconto social che, come accade sempre, ha trovato tante reazioni con l’unanime plauso dei cittadini per l’opera portata avanti dal collettivo – emerge che nel corso dell’ultima operazione di bonifica sono stati rimossi in totale quasi venticinque chili di rifiuti: nel dettaglio, 11,5 chili di indifferenziato, 4,5 chili di plastica, 8 chili di vetro, 400 grammi di cicche di sigarette e anche dei piccoli elettrodomestici. Ma a spaventare sono soprattutto le immagini delle siringhe ritrovate in una delle spiagge simbolo della zona orientale.

Leggi anche