Skip to content

Giovane operaio morto a Scafati lavorava in nero

Alessandro Panariello è deceduto schiacciato da una lastra di metallo
Giovane operaio morto a Scafati lavorava in nero

Lavorava in nero il 21enne Alessandro Panariello, che ieri è morto in un incidente avvenuto a Scafati, mentre lavorava in un palazzo in pieno centro. A denunciarlo sono gli avvocati Gennaro Caracciolo e Agostino Russo, che assistono la famiglia del giovane lavoratore.

«Siamo morti insieme al nostro Alessandro – fanno sapere tramite gli avvocati la madre Flora, il compagno di quest’ultima (il papà di Alessandro è morto da anni) e la fidanzata del 21enne, Annachiarama faremo di tutto affinché giustizia venga fatta; sporgeremo querela contro il datore di lavoro, anche perché il povero Alessandro non era regolare, nonostante avesse sempre chiesto di avere un contratto di lavoro. Ora la nostra vita è cambiata per sempre. Saremo destinati ad andare avanti con la morte nel cuore perché niente e nessuno potrà restuirci il nostro Alessandro». Il 21enne aiutava economicamente, nonostante la sua giovane età, l’intera famiglia.

Leggi anche