Skip to content

“Casa per donne maltrattate” senza autorizzazione: scatta il sequestro

Ispezione dei nas: ospiti collocate in altre strutture
“Casa per donne maltrattate” senza autorizzazione: scatta il sequestro

I Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Salerno, coadiuvati dai militari del locale Reparto Territoriale, nonché da personale della competente Asl, del Piano di Zona e dei Servizi Sociali, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo d’urgenza disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vallo della Lucania a carico di una struttura di accoglienza per donne maltrattate ubicata nel Vallo di Diano e degli Alburni, poiché la struttura non era in possesso dei requisiti propedeutici all’esercizio dell’attività di “Casa di accoglienza per donne maltrattate” indicati nel catalogo dei servizi residenziali.

Il provvedimento scaturisce da un’ispezione eseguita dai Carabinieri del Nas di Salerno che avevano accertato diffuse carenze igienico-sanitarie nella struttura. Ritenendo che la condotta contestata agli indagati sia contrastante con le prestazioni normative richieste alla struttura al momento dell’affidamento del servizio di ospitalità per le utenti, è stato disposto il sequestro preventivo della struttura, previo ricollocamento delle ospiti presso altre idonee strutture.

Leggi anche