Skip to content

Tariffe energia, come risparmiare in bolletta

Mercato Tutelato e Libero, costi a confronto e le modalità per scegliere la migliore offerta
Tariffe energia, come risparmiare in bolletta

In vista del passaggio al mercato libero dell’energia elettrica dal 1° luglio 2024, torna attuale il Portale Offerte (curato dall’Arera – Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente). Il sito è pubblico e permette alle famiglie e alle imprese di confrontare gratuitamente tutte le offerte di elettricità e gas disponibili presso il proprio domicilio o sede. Sul sito si possono consultare sia le offerte sul Mercato Libero sia quelle PLACET (Prezzo Libero a Condizioni Equiparate di Tutela), oltre alle tariffe dei Servizi di Tutela (Servizio di Maggior Tutela e Servizio di Tutela Gas).

I costi

Dalla home page del sito (www.ilportaleofferte.it) basta inserire i propri dati per ottenere un confronto tra le offerte.
Sul portale si possono confrontare tutte le offerte, anche combinate luce + gas, entrando nel dettaglio delle possibilità, applicando i filtri disponibili. Per passare dal Mercato Tutelato a quello Libero non ci sono scadenze. Di contro, solo fino al 30 giugno possono rientrare nel Servizio di Maggior Tutela anche i clienti domestici che erano già passati al Mercato Libero. Per quanto concerne il Mercato Tutelato, le tariffe sono ancora stabilite non dal singolo fornitore ma dall’Authority. Il Mercato Libero prevede invece costi in bolletta calcolati in base alle quotazioni di mercato della materia prima ed applicati in base alla libera contrattazione tra le parti, con offerte a prezzo bloccato e non.
Il diritto di recesso per cambio venditore (“switching”) consente al cliente di sciogliere il proprio contratto nel rispetto del preavviso indicato nel contratto, senza penali né altre spese o interruzione della fornitura.

Le modalità

Lo switching deve essere perfezionato in tre settimane, con la data di attivazione della nuova fornitura indicata nel nuovo contratto.
Per i non vulnerabili che non scelgono un fornitore nel Mercato Libero, la fornitura di energia elettrica continuerà senza interruzioni e sarà gestita dal fornitore abilitato al Servizio a Tutele Graduali nella propria zona (a questa pagina l’elenco completo); chi aveva autorizzato l’addebito della bolletta come RID sul conto si vedrà confermata la stessa modalità per il pagamento delle fatture emesse dall’esercente il Servizio a Tutele Graduali (salvo revoca). Chi lo desidera, potrà optare per un contratto nel Mercato Libero in qualsiasi momento.
Per i Vulnerabili che restano nella Maggior Tutela scatta in automatico il servizio dedicato finché non sarà attivato il Servizio di Vulnerabilità, sempre a condizioni contrattuali ed economiche definite dall’Autorità. Per controllare la propria bolletta esiste anche un altro servizio pubblico, sempre curato dall’ARERA: il portale dei consumi.

Leggi anche