Skip to content

Racket delle carni, le bombe dall’Agro

di Annalaura Ferrara
Indagini sul raid al market di Cava de’ Tirreni: gli attentatori arrivati dalla zona Nord
Racket delle carni, le bombe dall’Agro

Proseguono a ritmo serrato le indagini sull’esplosione di un ordigno che mercoledì mattina ha distrutto il vetro espositivo e la soglia del market di via XXV Luglio a Cava de’ Tirreni. I rilievi e le operazioni post-esplosione sono stati effettuati dai carabinieri della Tenenza di via Atenolfi, guidati dal capitano Francesco d’Assisi Longobardi.

Ora il prosieguo delle indagini è affidato ai carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore. L’attività commerciale di generi alimentari, con prevalente vendita di carni, è gestita da macellai originari di Sarno. Sarebbero arrivati già alcuni elementi utili a capire la provenienza dei bombaroli.

Leggi anche